NOS Design

NOS Design

NOS Design
NOS Design
Invalid number. Please check the country code, prefix and phone number
By clicking 'Send' I confirm I have read the Privacy Policy & agree that my foregoing information will be processed to answer my request.
Note: You can revoke your consent by emailing privacy@homify.com with effect for the future.
Sent!
This Professional will reply as soon as possible!

Piccola Guest Manison

Riqualificare il nostro patrimonio architettonico prima fonte di ispirazione per operazioni progettuali di conservazione e valorizzazione, proponendo manufatti che rivelino al contempo la propria storia e la mano creativa dell’ Architetto che ne ha curato l’intervento.

Questo è l’obiettivo ambizioso e stimolante che ha guidato l’Arch. Benedetta Gargiulo Morelli e lo Studio Nos Design nel progetto di recupero ed ampliamento per il villino di “Piccola Londra”. L’area collocata tra Via Flaminia e Via del Vignola, conosciuta come “Piccola Londra” grazie ad una serie di villini in stile inglese di sui si compone, nasce dalla mente creativa dell’Ing. Quadrio Pirani (1878-1970) che si occupa di realizzarla nel 1909. Il progetto, per Piccola Londra Guest Mansion, è stato elaborato nell’ ottica del recupero delle peculiarità che l’edificio, come molti altri adiacenti, aveva perso, a causa dei numerosi rimaneggiamenti, focalizzando l’attenzione su tre punti: la ricomposizione dell’unitarietà esterna dei prospetti, la ridefinizione del layout interno, la risistemazione e valorizzazione del giardino al piano terreno e del terrazzo al piano secondo. L’unitarietà dell’impaginato dei prospetti e l’integrazione con il contesto viene recuperata attraverso l’installazione di una serra solare, il giardino d’inverno che occupa il piano secondo e la copertura, realizzata con profili metallici e vetri basso emissivi: la struttura è completamente vetrata, e schermata solo dall’interno. L’accesso al piano di copertura, è garantito da una scala in acciaio, inglobata all’interno del giardino stesso. La tessitura dei profili metallici, prevalentemente verticale da enfasi allo sviluppo in tale direzione dell’edificio stesso, mantenendone a livello formale, la scansione dettata dalle sue parti, così come l’elemento di finestratura di dimensioni maggiori posto in asse con quelli presenti sull’edificio ai piani sottostanti. Seppur esigui i profili orizzontali invece sono disposti in corrispondenza delle cornici e degli orizzontamenti garantendo continuità tra l’edificio e i suoi adiacenti. Anche l’utilizzo di un unico colore (ocra) sia per le facciate che per gli infissi che per la serra segue la logica di creare un oggetto riconoscibile e dalla lettura unitaria. La ridefinizione del layout funzionale è stata ottenuta mediante la creazione di blocchi funzionali suddivisi per piani: il piano seminterrato come zona pranzo e cucina, il piano terra come zona living, i piani primo e secondo come zona notte, mentre il piano mezzanino, decisamente meno rappresentativo degli altri dedicato alla zona lavanderia. Infine per quanto riguarda il giardino al piano terreno, lo stesso è stato ripensato limitando le aree verdi ai margini, dedicando ai fiori la zona antistante l’edificio ed al bambù quella posteriore, e destinando lo spazio restante ad area per lo stare: il giardino diventa uno dei cuori pulsanti dell’edificio.

Location
Rome, Italy

Admin-Area