Pianta dell’Incenso o Plectranthus: Vantaggi e Prezzi

Request quote

Invalid number. Please check the country code, prefix and phone number
By clicking 'Send' I confirm I have read the Privacy Policy & agree that my foregoing information will be processed to answer my request.
Note: You can revoke your consent by emailing privacy@homify.com with effect for the future.

Pianta dell’Incenso o Plectranthus: Vantaggi e Prezzi

Monica Mariani—homify Monica Mariani—homify
by press profile homify
Loading admin actions …

Il Plectranthus, comunemente detto “pianta dell’incenso”, è una pianta che può crescere rigogliosa sia in vaso e sia in terra ed è quindi adatta per giardini, terrazzi e balconi. Ne esistono numerose varietà e sono caratterizzate da bellissime foglie di diverse tonalità.

È una pianta che non necessita di particolari cure e questo aspetto, insieme al costo contenuto e alla rapidità con cui cresce rigogliosa ne determina il successo e ne favorisce la scelta per arricchire giardini e terrazzi. Nonostante il nome con cui è nota, questa pianta non è quella da cui si ricava l’incenso ma, probabilmente, il suo profumo che un po’ lo ricorda ha contribuito a renderla nota con questo appellativo. L’incenso utilizzato nei rituali liturgici, infatti, è derivato dalla resina oleosa che si estrae dalla Boswellia sacra. In ogni caso, anche se non si tratta veramente di incenso, il profumo del Plectranthus è gradevole e anche utile, perché è un ottimo repellente per gli insetti.

Pianta dell’incenso, origini e caratteristiche

Come abbiamo detto, il nome comune di questa pianta è “pianta dell’incenso”, a causa del profumo di alcune varietà, il nome corretto però è Plectranthus, che deriva dal greco e significa “fiore a forma di sperone”. Si tratta di una pianta che appartiene alla famiglia delle Labiatae e presenta numerose varietà, con molte affinità ma anche caratteristiche diverse, e che cresce spontanea soprattutto in Africa e Oceania. È una pianta erbacea sempreverde, che fiorisce in estate, con foglie morbide e vellutate che presentano diverse tonalità di colore. I fiori sbocciano generalmente raccolti in spighe, e la gamma dei colori dei fiori va dal bianco al rosa fino al lilla e al viola. Alcune varietà sono molto utilizzate nei giardini come bordura o coprisuolo, in altri casi possiamo vederle in vasi, anche sospesi, dove la loro natura rampicante e ricadente crea effetti molto decorativi.

Come curare e coltivare la pianta dell’incenso

Esistono numerose varietà di pianta dell’incenso, e in seguito vedremo nello specifico le caratteristiche principali delle più diffuse, ma in linea di massima, si tratta di una pianta molto gradita per la rapidità con cui cresce, per il prezzo contenuto e perché richiede poche cure.

Può essere coltivata in vaso, quindi è perfetta non solo per il giardino ma anche per terrazzi e balconi, oppure in piena terra nei giardini, soprattutto come bordura o coprisuolo. Alcune varietà sono prettamente rampicanti e, di conseguenza ricadenti, mentre altre crescono a fusto eretto, in varie altezze e, in alcuni casi, arrivano a formare veri e propri cespugli ombrosi.

È una pianta che necessita di tanta luce ma non ama l’esposizione diretta ai raggi del sole che, nei periodi o nei luoghi più caldi possono danneggiarla. È bene, quindi, trovare per questa pianta una collocazione riparata in luoghi che non sono esposti al sole per tutto il giorno ma che possano offrire un po'  d'ombra, meglio se nelle ore più calde.

Il terriccio, preferibilmente misto, leggero e ricco di sostanze organiche, deve essere sempre ben irrigato e, al tatto, non deve mai risultare secco e asciutto. Deve quindi essere irrigata quando serve, più abbondantemente nei periodi caldi e con frequenza inferiore nei periodi più freddi. Anche frequenti vaporizzazioni possono aiutare a mantenere il giusto tasso di umidità. Il terreno deve essere sempre ben drenato perché questa pianta teme i ristagni d’acqua che possono creare gravi danni e far marcire le radici, è quindi importante prestare attenzione a questo aspetto e, per esempio, evitare che l’acqua si accumuli nei sottovasi.

Il periodo giusto per piantare o trapiantare il Plectranthus va da aprile a maggio. Se piantata in vaso, è necessario che la capacità dello stesso sia equivalente almeno al triplo del volume delle radici. Quando le radici delle piante coltivate in vaso fuoriescono dai fori di drenaggio del contenitore, devono essere rinvasate in vasi più grandi, e questo può avvenire in qualsiasi momento dell’anno.

Per fortificare le piante, all’inizio della primavera, è consigliabile cimare gli steli e aggiungere al terriccio concime granulare a cessione lenta oppure, periodicamente, dalla primavera all’autunno, durante le annaffiature, utilizzare concime liquido per piante verdi diluito in acqua.

Come tante altre piante, non sopporta le temperature troppo basse e, di conseguenza, se la temperatura scende sotto ai 5-10° è meglio trasferire in casa le piante coltivate in vaso e, quando possibile, trasferire al chiuso e in vaso quelle in piena terra. È molto importante che le piante, in casa, siano poste in posizione molto luminosa e che il livello di umidità sia sufficiente.

La propagazione del Prectranthus avviene per seme, per divisione dei cespi e per talea apicale che può essere effettuata in qualsiasi periodo dell’anno ma preferibilmente tra agosto e settembre.

Malattie e parassiti della pianta dell’incenso

Come abbiamo detto questa pianta è sensibile ai raggi troppo diretti del sole che possono essere causa dell’ingiallimento delle foglie. Allo stesso modo, pur necessitando di frequenti e abbondanti annaffiature, teme i ristagni di acqua che rischiano di provocare ingiallimento e appassimento delle foglie e, addirittura far marcire la parte bassa dei fusti e le radici.

In presenza di un clima eccessivamente umido può essere aggredita dall’oidio, il cosiddetto mal bianco, che va trattato con appositi prodotti e intervenendo sull’eccessiva umidità che ne favorisce la proliferazione.

Il Plectranthus non teme in modo particolare i parassiti e, qualora dovessero comparire gli afidi, vanno trattati con appositi insetticidi.

Proprietà della pianta dell’incenso

Il Plectranthus ha proprietà fitoterapiche perché contiene sostanze antinfiammatorie, antimicrobiche e antiemorragiche ma forse la sua qualità più apprezzata è quella di repellente per gli insetti. Le sue foglie, soprattutto la sera, emanano una fragranza che, oltre ad essere molto gradevole per noi, è un potente ed efficace antizanzare.

Le varietà più diffuse di Plectranthus

Tra le varietà più diffuse nei giardini o nei terrazzi troviamo:

Il Plectranthus Amboinicus, originario dell’Africa orientale e meridionale, caratterizzato dal profumo di timo delle sue foglie che possono anche essere utilizzate per cucinare. Non è decombente ma cresce eretto e può arrivare anche a un metro di altezza. È frequente vederlo coltivato in vaso o utilizzato come bordura.

Il Plectranthus Australis, caratterizzato dalla tonalità scura delle foglie mentre i fiori sono chiari, dal bianco a una tonalità malva.

Il Plectranthus Ciliatus, che presenta peculiari foglie arricciate, movimentate da nervature color porpora e da sfumature contrastanti.

Il Plectranthus Coleoides, originario delle zone tropicali dell’India, molto utilizzato come coprisuolo o in vasi sospesi da cui scendono le sue fronde cespugliose e ricadenti. Le foglie sono di color verde e di tonalità dal crema al bianco vicino ai margini dentati mentre i fiori sono viola chiaro o azzurri e somigliano a quelli della menta piperita. Proprio il Plectranthus Coleoides ha il caratteristico profumo che ricorda l’incenso da cui questo tipo di piante prende il suo nome comune.

Il Plectranthus Dolichopodus, dai caratteristici fiori viola, cresce velocemente e raggiunge un’altezza notevole creando gradevoli zone d’ombra. I suoi rigogliosi cespugli sono particolarmente adatti per il giardino.

Il Plectranthus Oertendahlii, molto più piccolo, infatti non supera i 20 cm di altezza, perfetto come coprisuolo e, grazie alle sue dimensioni ridotte, scelto anche per crescere in vaso. Ha foglie verde scuro con nervature argentate con tonalità porporine sul retro delle foglie.

Prezzi del Plectranthus

A meno che non si desideri acquistare una varietà poco diffusa di questa pianta, e in tal caso è necessario rivolgersi a vivai o aziende agricole specializzate, il Plectranthus è facilmente reperibile e anche acquistabile online a prezzi contenuti che, orientativamente vanno da 8 a 12 Euro a esemplare.

Modern Houses by Casas inHAUS Modern

Need help with your home project?
Get in touch!

Discover home inspiration!